Lillinet Liste & Newsletter

Please register or log in.
                       
Messaggi Register, if you want to post
Testo del messaggio
Da:  moni.disisto
A: 12.03.2010 10:46
Argomento: Clean Clothes Campaign lancia nuova azione internazionale contro grandi marchi della moda


[Fair] per la Clean Clothes Campaign http://www.abitipuliti.org
per info: Deborah Lucchetti (Fair/Campagna Abiti Puliti cell. +39 3381498490)
--------------------------------------------------------------------------------------



CLEAN CLOTHES CAMPAIGN LANCIA AZIONE INTERNAZIONALE
CONTRO MARCHI DELLA MODA CHE SI RIFORNISCONO
DA FABBRICHE DEL BANGLADESH DOVE SONO MORTI BRUCIATI 21 OPERAI
H&M e Terranova tra i marchi-bersaglio della campagna


Roma, 12 Marzo 2010 – Dopo l’incendio che ha causato 21 morti e 50 feriti in una fabbrica tessile in Bangladesh a fine febbraio, I sindacati e le organizzazioni internazionale che si occupano di diritti del lavoro chiedono una completa revisione delle norme di sicurezza nel settore.

“Siamo di fronte a un fatto del tutto prevedibile ed evitabile, non un incidente” dichiara Deborah Lucchetti della Campagna Abiti Puliti e presidente dell’organizzazione equosolidale Fair. “L’industria Bengalese è nota per il susseguirsi di tragici fatti come questo, a chiara testimonianza delle gravi carenze strutturali dell’industria tessile in materia di salute e sicurezza. Garib and Garib, che produceva per noti marchi come H&M e Teddy con marchio Terranova, non fa eccezione”

“La Clean Clothes Campaign insieme ai partner bengalesi richiede il rispetto delle leggi sulla sicurezza dal 2000, a seguito di altri simili fatali incidenti” aggiunge Tessel Pauli del Segretariato internazionale. “ Ma i marchi della moda, i produttori e il governo continuano semplicemente a pensare ai profitti senza occuparsi dei rischi per i lavoratori. La loro attitudine equivale a negligenza criminale”

I lavoratori erano intrappolati dentro l’edificio in fiamme mentre le uscite di emergenza erano chiuse a chiave, le scale bloccate da prodotti e materiali, la ventilazione insufficiente. I pompieri ha dichiarato che gli estintori erano “praticamente inutili”

Un incendio nella stessa fabbrica aveva ucciso un pompiere e ferito sette persone già ad agosto del 2009.

I marchi internazionali della moda come H&M e Terranova (marchio Teddy) sono anche responsabili di inconsistente monitoraggio dei livelli di sicurezza applicati alle loro catene di fornitura. Il marchio svedese H&M dichiara nel suo rapporto di ispezione dell’ottobre 2009 che questa fabbrica non mostrava carenze in relazione alle misure di sicurezza.

D’altra parte, la catena distributive Wal-Mart e l’impresa canadese Marks Workwear House hanno confermato che il deplorevole stato delle misure di sicurezza li aveva portati ad interrompere gli ordini. Tuttavia, nessuno dei marchi coinvolti ha intraprese sufficienti misure per evitare la tragedia, nè spingendo il proprietario della fabbrica o l’associazione industriale BGMEA a fare azion concrete, nè denunciando la situazione al governo, ai sindacati e agli altri stakeholder.

“Abbiamo bisogno di una profonda revisione delle leggi sulla sicurezza e di una effettiva applicazione”, dichiara Mr. Amirul Haq Amin del National Garment Workers Federation. “ L’incendio alla Garib&Garib non è un’eccezione. Ovunque la legge è ignorata” aggiunge. “ Se non cambia la situazione adesso, simili tragedia si ripeteranno”

“ Sono convinto che se si vuole seriamente affrontare il problema e prevenire future morti, occorre coinvolgere i lavoratori nel monitoraggio delle condizioni di salute e sicurezza” continua Amin, “ e questo può avvenire solo attraverso il sostegno del diritto dei lavoratori di organizzarsi e lavorare con il sindacato”

L’NGWF chiede maggiori risarcimenti per le vittime e le loro famiglie, insieme a una indagine penale. La Clean Clothes Campaign ha lanciato una campagna di pressione online per spingere I merchi internazionali, il governo Bengalese e i produttori ad agire in modo decisivo

I link per attivarsi e protestare:

http://www.cleanclothes.org/news/international-action-day-bangladeshhttp://www.cleanclothes.org/news/bangladeshi-garment-workers-buried-alive



-----------------------------------------------------

Monica Di Sisto - Vice presidente
[fair] Commercio Equo, Sostenibilità, Comunicazione
http://www.faircoop.it
leggi [fair]watch, a volo radente sull'economia globale
http://www.fairwatch.splinder.com
Data/Ora del sistema: 24.02.2018 03:02
Ci sono 0 visitatori e 0 utenti sul sito in questo momento.
Liste: 60
Discussioni: 13212
Messaggi: 21066
Utenti registrati: 17740
Powered by Mailgust 2.0.pre.5